Mangiare Vegano a Torino? Una guida ai ristoranti in città

Cucina veg e raw food. Creatività ai fornelli e attenzione al biologico. Dall'hamburger al kebab, tra carbonara e creme. Per un brunch o una cena

 /  / 

Torino - Venerdi 3 giugno 2016

Moda o scelta etica, curiosità o stile di vita, non importa: se decidete di mangiare vegano, Torino vi offre diverse soluzioni, all’insegna della varietà e del gusto per i dettagli, sia che siate vegani convinti, sia che scegliate di provare una volta a non consumare prodotti di origine animale.

Il vero must cittadino è indubbiamente Soul Kitchen, in via Santa Giulia 2, è in città uno dei ristoranti riconosciuti tra i più quotati del settore. Passione, tecnica e gusto si intrecciano nella ricetta speciale di questo locale che, oltre a proporre una selezione di piatti mai banali, offre la possibilità di mangiare anche rawfood, letteralmente cibo crudo. Soul Kitchen è aperto a pranzo (con meno scelta) e a cena, oltre a piatti classici da ristorante offre anche qualche assaggio fast, come hamburger, wraps di seitan o tofu…naturalmente sempre in chiave veg.

Oltre il Po, in zona Gran Madre (via Monferrato 14), c’è L’orto già salsamentario, ristorante veg curioso ricavato da un precedente locale, che offre una buona selezione sia veg che raw, con attenzione alle scelte biologiche, ha inoltre dalla sua personale cordiale e riconosciuta esperienza ai fornelli. Aperto a pranzo e cena, nasconde il vero punto di forza nella sorpresa che vi offrirà nella tarda domenica mattina con un ricco brunch.

In Corso Casale 204 c’è il piccolo ma accogliente Naturalmente veg, cui si affianca l’omonimo circolo che propone soluzioni bio, green e corsi di cucina vegana. Dall’8 giugno sarà aperto sia a pranzo che a cena, proponendo una buona selezione presentata al meglio dai gestori, pronti a convincere anche i più scettici. Generalmente ad antipasti costituiti da creme a base di legumi si succedono secondi presentati in piatti degustazione con contorno. Se l’ambiente piccino, il clima è caratterizzato da familiarità e semplicità.

Attenzione spiccata al biologico per La mezzaluna bio, in piazza Emanuele Filiberto 8. Il locale è piccolo e semplice, in una zona storica della vecchia Torino, nella quale è godibilissimo stare seduti ai tavoli di fuori. Un ambiente semplice per una cucina che non delude, aperto a pranzo e anche a cena. Da provare, per i curiosi, il menu degustazione, per assaggiare quanti più piatti possibili. Uscendo, un piccolo market di prodotti bio vi inviterà a qualche acquisto.

Veg &veg, in Largo Montebello 31 è uno dei primi locali totalmente veg della città. Offre un menu limitato ma gustoso, a pranzo e cena, e dà la possibilità di assaggiare prodotti alternativi a formaggio e carne (anche acquistabili) per una carbonara veg che fa a gara con quella normale.

La novità e Sfood, in via Degli Artisti 20, locale 100% veg che propone rivisitazioni dei piatti piemontesi all’insegna della creatività, ma anche snack o piatti da asporto, nonché raw food. Inaugurato lo scorso novembre, il ristorante – anche sede di incontri, eventi e shop – propone un simpatico brunch della domenica.

Per chi ha voglia di fast food, La vispa Teresa, in via Barbaroux 38, vi darà la possibilità di fare un pranzo veloce a base di panini, piadine, hamburger, toast, kebab rivisti in salsa veg. Ma c’è anche la pasticceria veg, i golosi la trovano da da Ratatouille, in corso Tortona 2, gastronomia, market e caffetteria, con ampia selezione di dolci secchi e freschi vegani e bibite bio.

Per vegani, ma anche vegetariani, Selezione naturale (via Provana 3) e Articiocc (via Palazzo di città 6). Il primo offre una serie limitata di piati e ha nell’aperitivo, con assaggi delle proposte di cucina, il suo punto di forza, il secondo è molto piccolo e aperto solo a pranzo con la possibilità di comporre un piatto degustazione scegliendo dal banco proposte che cambiano ogni giorno, ideale per una pausa veloce.

Alessandra Chiappori

© Copyright mentelocale.it
vietata la riproduzione

Bere & Mangiare Ristoranti

Potrebbe interessarti anche...