Torino, la Città Profumata. L'essenziale al Circolo dei Lettori

Torino, la Città Profumata. L'essenziale al Circolo dei Lettori

© Irene Gittarelli

Una rassegna tra parole, aromi e fragranze. Dall'esperienza olfattiva alle emozioni. Tra workshop, lezioni e installazioni. Dall'1 al 3 dicembre

 /  / 

Torino - Martedi 22 novembre 2016

Tre giornate interamente dedicate all’olfatto: da giovedì 1 a domenica 3 dicembre le sontuose sale del Circolo dei Lettori di Torino ospitano la terza edizione di L’essenziale, un evento pensato per parlare di suggestioni che partono dai nasi e attraverso magiche connessioni arrivano a toccare immaginario ed emozioni.

Il particolare format è stato ideato da Luca Ferrua nel 2014 e conduce il pubblico per mano – o forse è meglio dire per il naso – alla scoperta del percorso del tutto ineffabile attraverso cui nascono le fragranze. A volte basta una passeggiata e angoli insospettabili della città si rivelano ampolle preziose per essenze: di strade, di fiumi, di edifici, addirittura di piazze. È così che per l’edizione 2016 L’essenziale, oltre a proporre workshop, lezioni, percorsi olfattivi e installazioni con ospiti speciali, esce dal Circolo dei Lettori ed entra in alcuni luoghi simbolo di Torino con La città profumata, un viaggio che snodandosi tra racconti e aromi porterà in scena angoli di Torino caratterizzati da “storie di olfatto”. Il 2 dicembre, dalle 18.00, boutique, profumerie, ristoranti, bistrot, dalla Mole al Museo Egizio alla Fondazione Sandretto Re Rebaudengo diffonderanno note e sensazioni. Tra gli appuntamenti, la mostra fotografica sulle barbe di Giovanni Gastel, i profumi immaginari dei film horror a cura di Steve Della Casa, le fragranze al sapor di cioccolato con Guido Gobino.

L’essenziale inaugura il 1 dicembre alle 18.00 in Via Bogino, con Laura Bosetti Tonatto, protagonista della lezione I profumi dell’anima, durante la quale il pubblico potrà annusare fragranze create a partire da pagine della Bibbia e scoprire il legame tra incensi, meditazioni e spiritualità. Anche nei giorni a seguire saranno numerosi gli appuntamenti con grandi “nasi”, direttori creativi e ideatori di fragranze nuove, insolite e inaspettate, per chiacchierare di chimica e tecnica, ma anche di sensazioni ineffabili. Alle 11.00 di sabato 3 dicembre Meo Fusciuni, guiderà per esempio il pubblico alla scoperta dell’installazione olfattiva che rievoca i ricordi odorosi della vita e della personale biblioteca mnemonico-olfattiva. Se la voglia di scoprire come si crea un profumo e cosa c’è dietro la sua invenzione non vi manca, alle 12.00 segnate in agenda l’incontro con Luca Maffei e Roberto Drago La costruzione di un profumo. Lo stesso giorno, alle 15.00, Filippo Sorcinella, artista e direttore creativo, dialoga con Luca Ferrua raccontando la nascita della propria linea di fragranze creata come omaggio sugli abiti sacri per la Curia. L’essenziale si concluderà la sera alle 21.00 all’Oratorio San Filippo Neri con l’omonima composizione per organo di Filippo Sorcinelli, autore e creatore di una linea di profumi fatta di incenso e mistero.

Non potranno mancare i momenti “letterari”, con presentazioni di libri a tema, tra cui spicca, alle 21.00 di giovedì 1 dicembre, il reading con Michele di Mauro ispirato al romanzo che più di tutti gioca sull’olfatto: Il profumo di Patrick Süskind. Lo spettacolo giocherà con tutti i sensi, dalle sonorizzazioni alle suggestioni olfattive. Altri momenti di svago e scoperta, gli aperitivi in compagnia di bartender pronti a far degustare spiegando i segreti della delicata arte del miscelare aromi in equilibrio olfattivo e gustativo. In più, venerdì 2 dicembre alle 19.00 Venature di Cioccolato offrirà praline e piccoli assaggi per un piccolo paradiso sensoriale. Sabato 3 dicembre arriva invece il brunch con giochi e rimandi tra profumi e sapori collegati al cibo.

Spazio anche a workshop e laboratori: venerdì 2 dicembre alle 18.00 tra i segreti e le tecniche della pratica ayurvedica, il giorno seguente è tempo invece di unguenti come pratica mistica e purezza interiore: i partecipanti potranno creare un unguento antico. Con Luca Maffei si potrà ricreare a partire da cinque accordi il profumo del Lilium, mentre a seguire “mani in pasta“ tra estratti e distillati per creare il proprio Vermouth, nato proprio a Torino nel 1786. Laboratorio tutto profumato anche per i più piccoli, con Nicola Bianchi riproducendo in magia l’odore della frutta di stagione.

Alessandra Chiappori

© Copyright mentelocale.it
vietata la riproduzione

Società & Tendenze Tendenze

Potrebbe interessarti anche...