Sciare in Piemonte e Valle D'Aosta: da Limone alla Via Lattea

Sciare in Piemonte e Valle D'Aosta: da Limone alla Via Lattea

Le località più gettonate per gli sport sulla neve. Tra sci, snowboard e fondo. Piste baby e collegamenti tra i comprensori. Tutte le informazioni

 /  / 

Torino - Giovedi 5 gennaio 2017

La neve in alta quota è arrivata con un po’ di ritardo, ma la stagione sciistica piemontese è partita comunque con le migliori premesse. Le località più gettonate, anche per via delle piste ben innevate, sono ancora quelle di Piemonte e Valle d’Aosta, sebbene l’Alto Adige continui a difendersi molto bene. Diversi sciatori, poi, amano varcare il confine per arrivare in Francia o in Svizzera, dove le opportunità non mancano mai.

Oltre a San Domenico e Macugnaga nel Verbano, e a Limone Piemonte nel Cuneese, che sono tra le località più nevose, ci sono opportunità irrinunciabili anche nel torinese.

La stazione sciistica di Prali in Val Germanasca, a circa 70 km da Torino, offre due impianti di risalita ad alta quota e una trentina di km di piste che, in questo periodo, risultato essere ben innevate. Si segnalano anche due percorsi fuori pista e 10 km di tracciati per lo sci di fondo, oltre a due itinerari per le ciaspole. Al centro delle Alpi Cozie, Prali è una delle località sciistiche che garantisce il maggior numero di alternative per chi ama la neve.

Bardonecchia è un altro classico della montagna torinese. Molto frequentata dagli abitanti del capoluogo, con un discreto numero di seconde case, la città, ultimo baluardo autostradale prima del Frejus, permette di raggiungere due comprensori sciistici che hanno conosciuto una grande espansione grazie alle Olimpiadi invernali del 2006. Il primo è lo Jafferau, il più piccolo, con piste a una quota media di 2800 metri, mentre il secondo è Colomion – Les Arnauds – Melezet, molto più ampio, che si estende tra i 1330 e i 2400 metri di quota. Ci sono anche quattro piste baby, dedicate a bambini e principianti. Se invece amate lo snowboard, alla partenza degli impianti di Melezet trovate l’half pipe olimpico, che è anche aperto e illuminato in notturna al sabato. Ma Bardonecchia offre anche 22 km di piste per lo sci di fondo, percorsi per ciaspole e una pista di pattinaggio. Dopo lo sport, poi, una bella passeggiata lungo la centrale via Medail, o al borgo vecchio, vi rimetterà in sesto prima di tornare in città.

Tra le località più nevose c’è anche Cesana Torinese, al centro dell’enorme comprensorio della Via Lattea, il più grande dell’Italia occidentale, con 400 km di piste. Da Cesana si può arrivare a San Sicario, Sestriere, Sauze d’Oulx, Claviere o Montgenèvre, con impianti comodi ed efficienti. Lo skipass della Via Lattea consente di accedere agli impianti di queste località, ma anche a quelli di Oulx e Pragelato. Esistono, comunque, diverse formule. All’interno della Via Lattea, peraltro, si trovano i meravigliosi Monti della Luna, zona ad alta attrattiva sciistica e naturalistica, tra le più apprezzate del Piemonte. Qui ci si sposta con gli impianti o con le ciaspole, sia per raggiungere le piste, sia per arrivare ai rifugi, come ad esempio Capanna Mautino, che si trova proprio sopra Cesana. Proseguendo oltreconfine, si incontrano meravigliose località francesi come Serre Chevalier, il comprensorio sciistico delle Deux Alpes e, naturalmente, Briançon.

Se da Torino vi spostate verso nord, invece, le possibilità offerte dalla Val d’Aosta sono numerose. In questo periodo, tra le località più nevose c’è Pila, che domina Aosta e si trova al centro di un comprensorio che conta 71 km di piste, fra i 1800 e i 2750 metri. Da Aosta, Pila si può raggiungere con una suggestiva telecabina.

Sul versante opposto si estende il comprensorio di Breuil Cervinia, con 350 km di piste tra il Cervino e il Monte Rosa, che collega Cervinia e Valtournenche con Zermatt, in Svizzera. Se volete raggiungere questo splendido posto e varcare il confine, assicuratevi di avere lo skipass con l’estensione per il versante svizzero e un documento di identità valido. Da queste parti, restando in Italia, ci sono comunque diverse possibilità anche per lo sci di fondo e lo snowboard, con impianti di risalita, funivie e seggiovie per spostarsi comodamente da una località all’altra, senza toccare l’automobile.

Paolo Morelli

© Copyright mentelocale.it
vietata la riproduzione

Tempo libero Sport

Potrebbe interessarti anche...